La lezione di Gina Lollobrigida ad Asia Argento: «Ceffoni ai miei molestatori»

martedì 7 novembre 16:36 - di Monica Pucci
Bella, bellissima, corteggiatissima. E anche, molto spesso, molestata, molestatissima, certamente più di tutte le starlette che oggi, a scoppio ritardato, dopo anni di silenzi, solo oggi denunciano stupri e proposte indecenti da parte di personaggi più o meno potenti: Gina Lollobrigida, 90 anni, ha un’idea precisa sulla scandalo sessuale targato Hollywood: «Se ne parla fin troppo», dice in un’intervista al Mattino. A tutte le donne che hanno denunciato tardivamente, Asia Argento compresa, la grande attrice italiana ricorda che “nella vita bisogna darsi delle regole, la più importante è non scendere a compromessi, io la penso così e ho sempre agito di conseguenza».
La “Loll0” si pone una domanda che in questi giorni si sono posti un po’ tutti, sull’orco Weinstein: «Perché non lo hanno denunciato subito? Perché aspettare degli anni prima di raccontare cose così gravi? Certo, lo capisco, molte donne si vergognano come se fossero colpevoli, e infatti le cifre ufficiali sugli stupri sono inferiori a quelle reali ma i molti casi basta dire di no. E se quello insiste e ci va giù pesante c’è una ragione in più per mandarlo al diavolo e finirla lì. Magari sdrammatizzi con una bella risata. Insomma, si può reagire. È una questione di scelte. Ma se accetti le avances, poi te ne assumi la responsabilità. Mai scendere a compromessi».
E chi ha molestato lei, la meravigliosa Lollobrigida, star internazionale, che trattamento ha ricevuto? «Se qualcuno faceva il maleducato reagivo con un ceffone. E non solo in America, mi è capitato anche in Francia, avvertivo che con me non era il caso di provarci, anche se era importante non me ne fregava niente».
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *