Kevin Spacey non ha perso il vizietto: molestie anche sul set di House of Cards

Nuove accuse piovono su Kavin Spacey, e stavolta non si tratta di fatti accaduti decenni fa come per le precedenti. A puntare l’indice contro l’attore due volte premio Oscar, infatti, sono ora alcuni membri della troupe di House of Cards, la fortuna serie tv che è valsa a Specey altri riconoscimenti e che è in onda dal 2013.

Le accuse della troupe di House of Cards

Ad accusare l’attore è, in particolare, un ex assistente di produzione di House of Cardsche ha affermato che Spacey lo avrebbe aggredito sessualmente. Una accusa corroborata dalle parole di altri componenti della troupe, secondo i quali sul set l’attore avrebbe tenuto comportamenti “predatori”. Spacey, secondo quanto riferito dai media statunitensi, avrebbe messo le mani nei pantaloni dell’assistente di produzione, pressandolo e impedendogli di uscire dal suo camerino-rimorchio. In totale sono otto le persone che hanno accusato Spacey di avere creato un ambiente di lavoro “intossicato” dalle molestie sessuali. Si tratta di “testimoni” che lavorano ancora o hanno lavorato in precedenza alla serie tv incentrata sulle vicende del controverso Frank Underwood e, secondo le quali, le attenzioni moleste dell’attore erano rivolte soprattutto ai più giovani della troupe e si concretizzavano tanto in contatti fisici quanto in commenti “inappropriati”.

Tutte le testimonianze contro Kevin Spacey

Le accuse dei componenti della troupe di House of Cards giungono dopo le rivelazioni dell’attore Anthony Rapp, che per primo ha denunciato di essere stato molestato da Spacey quando aveva appena 14 anni, ovvero un trentennio fa, e dopo le ulteriori accuse mosse dall’attore messicano Roberto Cavazos, da un attore britannico che è voluto rimanere anonimo e dal regista Tony Montana. In questi ultimi tre casi, però, si tratta di vicende lontane o anche molto lontane nel tempo. Le molestie lamentate dai “colleghi” di House of Cards, invece, si riferiscono ad anni assai più recenti.