Italia e Ue non sanno gestire i clandestini: il Ruanda ci offre aiuto…

venerdì 24 novembre 17:47 - di Redazione

Poiché l’Italia e la Ue non sanno da che parte cominciare per arginare l’invasione di clandestini, ora si apprende che il Ruanda ha offerto di dare rifugio a circa 30mila africani che si trovano nei campi in Libia. Lo ha annunciato il ministero degli Esteri di Kigali, in una reazione all’inchiesta dei giorni scorsi della Cnn, secondo cui i migranti in Libia vengono venduti all’asta come schiavi. “Data la nostra storia – ha sottolineato la responsabile degli Esteri Louise Mushikiwabo, in un riferimento al genocidio avvenuto alla metà degli anni Novanta nel Paese cui la comunità internazionale assistette senza intervenire – non possiamo restare in silenzio quando gli essere umani vengono maltrattati e venduti all’asta come bestiame”. “Il Ruanda, come il resto del mondo, è inorridito per le immagini della tragedia che avviene in Libia, dove uomini africani, donne e bambini che si mettono in viaggio vengono trattenuti e trasformati in schiavi”, denuncia ancora il ministro degli Esteri, precisando che pur se il Ruanda è un piccolo Paese si troverà il modo per ospitare gli immigrati. “Quello che mi aspetto adesso – ha aggiunto la Mushikiwabo, citata dal quotidiano New Times – è che i ruandesi accolgano queste persone. Come ruandesi siamo sensibili alle persone in difficoltà e che non hanno i mezzi per proteggersi. E’ qualcosa che sentiamo profondamente, occuparci degli esseri umani”. Il ministro ha quindi precisato che contatti sono in corso con l’Unione Africana per stabilire come intervenire.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *