Indagata anche la madre di Renzi: la procura di Firenze ha secretato l’atto

La procura di Firenze ha iscritto sul registro degli indagati sia Tiziano Renzi che Laura Bovoli, genitori del segretario del Pd, Matteo Renzi. Lo scrive il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro, La Verità. I nomi del padre e della madre dell’ex premier – si legge nell’articolo – sono stati secretati dalla procura di Firenze. La loro iscrizione nel registro è avvenuta  in coincidenza della visita compiuta il 6 ottobre dalla Guardia di Finanza nell’azienda di famiglia, la Eventi 6 e rivelata in esclusiva dalla Verità. Per Tiziano si parla anche di fatture sospette.

Indagata la madre di Renzi: l’inchiesta

Le contestazioni, riporta ancora La Verità,  sono legate al crac della cooperativa fiorentina Delivery service Italia, fallita nel 2015. L’ipotesi investigativa è che a tirare le fila dell’azienda dissestata ma anche di altre società collegate e perquisite, come la Europe service e la Marmodiv srl, ci fosse la Eventi 6 che ha come presidente e rappresentante dell’impresa (con la figlia Matilde) Laura Bovoli ed è di proprietà delle donne di casa Renzi (Laura 8%, Matilde 56% e l’altra figlia Benedetta 36%). Come riporta ancora sulla Verità, nel fascicolo risulta indagato anche il consigliere delegato di Eventi 6, Roberto Bargilli, l’ex autista del camper di Renzi durante la campagna per le primarie.