“Il vaccino ti aspetta, che aspetti?”: campagna per sensibilizzare gli over 65

“Il vaccino #tispetta. Tu che aspetti?”. HappyAgeing, l’Alleanza italiana per l’invecchiamento attivo, lancia con questo slogan la campagna Io ci vado, rivolta agli over 65. L’obiettivo è sensibilizzare gli anziani della Penisola su una malattia che in Italia uccide circa 9mila persone all’anno (quasi il triplo delle vittime degli incidenti stradali), esortando i nati nel 1952 e tutti gli anziani ad avvalersi del diritto di vaccinarsi gratuitamente. A partire da quest’anno, infatti, oltre alla vaccinazione anti-influenza quella anti-pneumococco è gratuita per i 65enni. Una novità prevista dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-2019 e inserita nei nuovi Livelli essenziali di assistenza, ricorda HappyAgeing alla vigilia della Giornata mondiale contro la polmonite che si celebra il 12 novembre.

Vaccino, un diritto e un dovere

«Tra le morti evitabili – sottolinea l’associazione, membro italiano dell’International Federation on Ageing-Ifa, nata nel 2009 con oltre 100 organizzazioni alleate – le polmoniti sono ai primi posti per le conseguenze correlate. Secondo gli studi in Europa oltre 120mila decessi all’anno potrebbero essere evitati con un’adeguata conoscenza delle modalità di prevenzione e di immunizzazione. «La polmonite è la prima causa di morte per malattie infettive nei Paesi occidentali – afferma Michele Conversano, presidente di HappyAgeing – con questa campagna, la componente civica e sociale dell’alleanza ha fatto propria la sollecitazione del mondo scientifico sull’importanza di far sapere ai cittadini, sul territorio, in maniera capillare, la necessità farsi protagonisti della propria salute. Vaccinarsi è un diritto, ma anche un dovere civile verso sé e verso la collettività».