Il piano di Berlusconi per catturare le liste civiche: al via i contatti in ogni zona

Silvio Berlusconi ha un piano per intercettare gli elettori delle liste civiche che amministrano 6156 Comuni su 7979 (il 77%). Il ragionamento del Cavaliere, come ricostruisce il Giornale, è questo: alle elezioni comunali di solito vota oltre il 70% degli italiani, mentre alle politiche e alle regionali l’affluenza alle urne cala di 10-15 punti. Anche molto di più, come s’è visto da poco in Sicilia. Come recuperare il voto di questi elettori, che si mobilitano solo per eleggere il loro sindaco e i rappresentanti più vicini, coordinandoli e convogliandoli dalla parte giusta?

Berlusconi, Mallegni responsabile per le liste civiche

Il potenziale di questo popolo di disillusi dalla politica è valutato attorno all’1,2%, lavorandoci può salire al 3%, che si traduce in 9-10 deputati in più. Battendo il territorio, Comune per Comune, si possono scoprire facce nuove da candidare delle amministrazioni o della società civile, che piacciono ai cittadini e possono portarli alle urne. A fine estate Berlusconi ha indicato in Massimo Mallegni, tre volte sindaco di Pietrasanta in Versilia, dimessosi per diventare vicecoordinatore vicario di Forza Italia e responsabile appunto per le Liste civiche, l’uomo giusto per fare un «lavoro di cesello», come dice lui. Deve, cioè, individuare in accordo con i coordinatori regionali e gli amministratori locali azzurri, tutte le liste civiche, quelle che hanno vinto e quelle che hanno perso, quelle legate già a partiti politici e quelle che vivono solo per la stagione amministrativa.

La ricognizione  sul territorio

«Il cittadino – spiega Mallegni al Giornale – premia il civismo perché vede la politica dei partiti nazionali lontana dal cancello di casa. Su input del presidente Berlusconi ho iniziato a lavorare al progetto per non disperdere preziose esperienze maturate in un rapporto diretto con il cittadino. Sono come un manovale, uno spazzino che raccoglie le briciole, poi tutto sarà presentato agli organismi nazionali del partito. Nel 2006 abbiamo perso per 25mila voti, stavolta non possiamo disperdere nulla». Accanto all’ex sindaco c’è Marcello Fiori, responsabile per gli Enti locali di FI, che con lui ha iniziato due mesi fa la ricognizione sul territorio. «Studiamo questi movimenti locali – dice – che rischiano di rimanere localistici e finire nello spazio di un’elezione, per farli crescere e conquistare una vita più lunga. Questo mondo può farci vincere in tanti collegi uninominali che davamo per persi. Se sono 232 per la Camera e abbiamo 150 parlamentari uscenti tra Camera e Senato, anche riconfermandoli tutti avremo posto per 80 nuovi candidati. E toccando il 30-33% potremmo vincere tutti i collegi anche in regioni rosse come l’Umbria».