Gli “svapatori” scendono in piazza: il governo ci vuole fare fuori (video)

Montecitorio “sotto assedio” dai fumatori di sigarette elettroniche. In tanti hanno manifestato, tra lo stupore degli agenti, davanti alla Camera per protestare contro la tassazione imposta dal governo al liquido delle sigarette “alternative”. Sono gli svapatori,  consumatori di e-cig, a tenere i riflettori puntati contro un emendamento alla manovra che sottopone il comparto ai Monopoli aprendo la strada a un regime di tassazione e di licenze che – dicono i manifestanti –  rischia di far saltare 30mila posti di lavoro. Nell’emendamento del decreto che sblocca i debiti della Pubblica amministrazione, infatti, si introduce un’accisa sui «prodotti contenenti nicotina o sostanze sostitutive del consumo di tabacco», intervenendo su un settore che si sta sviluppando a macchia d’olio. Ad anticipare i contenuti della manifestazione è stato il sito del bimestrale Sigmagazine che nei giorni scorsi ha anche pubblicato centinaia di testimonianze di consumatori e commercianti adirati. In piazza tutte le sigle associative del settore e alcuni esponenti politici che stanno supportando la rivolta.