Fisco, Ruffini: tra cinque anni aboliremo del tutto la dichiarazione dei redditi

Meno tasse, niente più condoni, ma soprattutto niente più dichiarazione dei redditi, nemmeno quella precompilata. Lo Stato ha abbastanza dati per fare da solo i calcoli in tasca ai contribuenti, basta incrociarli bene. Questa la rivoluzione annunciata dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Ruffini che, intervistato da Repubblica, annuncia la futura abolizione della dichiarazione dei redditi, uno degli adempimenti fiscali più detestati dagli italiani.

Come ciò sarà possibile lo spiega lo stesso Ruffini con queste parole: “Accumulando sempre più dati ed evitando naturalmente di chiedere quelli che già abbiamo, deve venir meno il concetto stesso di dichiarazione dei redditi. Nel momento in cui il Fisco possiede tutti i dati, ti presenta l’elaborazione di quegli stessi dati e tu da controllato diventi controllore del fisco. Ti fornisco un servizio e hai il diritto di vedere se ho lavorato bene”, spiega. Per abolire completamente la dichiarazione dei redditi, dice Ruffini, ci vorranno cinque anni.  “L’Italia ha, senza dubbio, un numero di imposte superiore alla media europea. In Svizzera ci sono 25 leggi fiscali, la Germania ha 35 testi unici. Noi abbiamo 388 leggi e 396 decreti attuativi. Solo il testo unico delle imposte sui redditi ha 76 mila parole. Dal 1994 il numero di caratteri è più che raddoppiato. Dal 1986 ha subito 1.200 modifiche. Ma tutti i Paesi, Stati Uniti compresi, lamentano gli stessi problemi”.