Fermati 2 albanesi: eseguito uno dei più importanti sequestri di cocaina degli ultimi tempi

Gli agenti della sezione “criminalità straniera” della Squadra Mobile di Roma monitoravano da tempo un garage e le manovre di due albanesi sospetti: per questo, quando nel tardo pomeriggio di martedì 7 novembre nella zona di Ponte di Nona, i due stranieri di 50 e 36 anni, sono stati arrestati, non è stata una sopresa per nessuno degli agenti in servizio rinvenire nel box auto sorvegliato da un po’ circa 32 kg lordi cocaina nascosta all’interno…

Arrestati 2 trafficanti di droga albanesi

Gli investigatori, infatti, avevano notato uno strano ed inusuale “andirivieni” di macchine e persone nei pressi di quel garage situato all’interno di un seminterrato di un complesso condominiale. All’insaputa dei due trafficanti, che pensavano di poter agire indisturbati, gli operatori, appostati nelle vicinanze, hanno monitorato l’incontro dei due uomini fino a quando non è scattato il blitz. I due malviventi, che nel frattempo erano intenti a spostare i «pani» di cocaina dal garage ad una delle loro autovetture, non hanno avuto nemmeno il tempo di rendersi conto di cosa stesse succedendo quando si sono ritrovanti di fronte gli agenti che li hanno immediatamente bloccati prima che potessero tentare un qualsiasi tipo di reazione o darsi alla fuga. qui di, all’interno del box sono stati rinvenuti ben ventisette blocchi di cocaina, per un peso complessivo di trentadue chilogrammi, tutti sigillati con il cellophane per garantirne l’impermeabilità. Gli agenti hanno poi perquisito le macchine utilizzate dagli arrestati parcheggiate di fronte al box e pronte per essere caricate di droga da spostare in un luogo ritenuto più sicuro. Proprio dentro una di queste vetture hanno trovato un vano occulto ricavato all’interno del cruscotto ed apribile solo attraverso un meccanismo appositamente costruito. All’interno del vano erano nascosti circa ventimila euro in contanti divisi in mazzette.

Uno dei più importanti sequestri di cocaina degli ultimi tempi

E non è ancora tutto: dopo aver controllato tutto il garage e le altre autovetture utilizzate dai due albanesi, tutte di grossa cilindrata, gli agenti della Squadra Mobile hanno perquisito le loro abitazioni, dove è stato trovato e sequestrato altro denaro, circa quarantamila euro in contanti diviso in mazzette, nonché una pistola di piccolo calibro, quindi facilmente occultabile, carica e perfettamente funzionante, risultata rubata a Roma due anni fa. Terminate le perquisizioni, i due albanesi sono stati portati in Questura e successivamente associati presso la casa circondariale di Regina Coeli a disposizione della Autorità Giudiziaria. L’ingente quantitativo sequestrato avrebbe fruttato diversi milioni di euro una volta rivenduto sul mercato locale. Si tratta, infatti, di uno dei più importanti sequestri di cocaina eseguiti a Roma negli ultimi tempi che lascia intendere il coinvolgimento di un’organizzazione criminale, sulla quale sono in corso approfondimenti investigativi. Ma è certo che quanto dovesse emergere nell’immediato futuro sul caso nopn desterà sorprese, almeno non più di tanto…