FdI accusa: degrado per Villa Aldobrandini a Roma, ora restaurata

Nuova denuncia di Fratelli d’Italia sul degrado dei beni culturali della capitale: ”Pezzi di intonaco di Villa Aldobrandini sgretolati e caduti a terra che sfiorano i passanti, e parti di cornicioni in via Principe Eugenio che si staccano dai palazzi. E l’unico intervento dell’amministrazione Raggi è ovviamente recintare le aree con la consueta rete arancione che ormai è diventata a tutti gli effetti un arredo urbano della Capitale”. È quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia. “E’ questa la situazione di Roma Capitale e del suo centro storico, abbandonato e lasciato nell’incuria dall’amministrazione Raggi. Non è tollerabile che le mura di una sito storico di tale rilevanza come Villa Aldobrandini, nel rione Monti adiacente al Quirinale, riaperta esattamente un anno e mezzo fa dopo i lavori di manutenzione, versi in queste condizioni di incuria e trascuratezza. Una condizione che si ripete anche in via Principe Eugenio, a due passi dalla Stazione Termini e da Piazza Vittorio. Qui – evidenzia Santori – addirittura interi pezzi di cornicione di palazzi comunali sono caduti a terra frantumandosi in mille pezzi, che solo per miracolo non hanno colpito qualche passante. Non possiamo tollerare questa sciatteria amministrativa da parte del Movimento 5 Stelle – conclude Santori – mentre a fare le spese di questa incuria sono il decoro e la sicurezza del territorio sempre più in declino e lasciato in balìa degli eventi”.