Facebook oscura la Fontana delle Tette, il monumento-simbolo di Treviso

Facebook censura la Fontana delle Tette di Treviso perché indecente e scandalosa. Eppure è uno dei monumenti simbolo della città. Una vera e propria bandiera della Marca, costruita nel lontano 1559 su ordine del podestà delle Repubblica di Venezia Alvise da Ponte, in occasione di una crisi di siccità che colpì la città di Treviso e tutta la regione.

Treviso, la Fontana delle Tette bloccata

Ora però, scrive la Tribuna di Treviso, quei capezzoli scoperti hanno scatenato la reazione censoria dell’algoritmo di Facebook, oscurando alcuni contenuti dedicati alla Fontana delle Tette. «Quando abbiamo cercato di promuovere la nostra galleria sul social network acquistando degli spazi promozionali – spiega un commerciante in articoli di antiquariato che ha la propria attività non lontano dalla Fontana – Abbiamo regolarmente pagato le inserzioni, abbiamo fatto tutto quel che andava fatto. Ma non c’è stato verso di vedere uscire la nostra promozione, i soldi ci sono pure tornati indietro». La colpa? Un video in cui compariva anche la fontana. Un altro commerciante dice sconsolato: «Noi viviamo immersi nella bellezza e un algoritmo comincia a censurare le nostre piazze, le nostre fontane, che fine faranno anche Firenze, Roma, le nostre gallerie d’arte?».