Corruzione in Arabia Saudita: 38 miliardari sono agli arresti (in hotel a 5 stelle)

C’è anche Alwaleed bin Talal, uno degli uomini più ricchi del mondo, tra gli undici principi arrestati per corruzione in Arabia Saudita. Sono stati arrestati undici principi e un totale di 38 tra ex ministri, ex vice ministri e uomini d’affari. Gli arresti sono arrivati per ordine della commissione anti-corruzione costituita in Arabia Saudita dal re Salman e guidata dal principe ereditario Mohamed bin Salman.

Il miliardario con un patrimonio da 20 miliardi di dollari

Con un patrimonio stimato attorno ai 20 miliardi di dollari, il principe Alwaleed, 62 anni, é uno degli uomini più ricchi e influenti al mondo (34mo nella lista di Forbes del 2015). Il principe è il presidente della società di investimento Kingdom Holding Company, che possiede partecipazioni negli hotel Four Seasons, Fairmont e Raffles, così come il News Corp, Citigroup, Twitter e Apple.

Arabia Saudita sotto choc per gli arresti

Ma Alwaleed non si limita a investire: pur non avendo una posizione ufficiale nel governo saudita, il reale ha sempre detto la sua nelle questioni che riguardano la vita del regno, come ha fatto l’anno scorso con il suo appello a favore delle donne al volante. I 38 arrestati  sono detenuti in queste ore in alberghi a cinque stelle di Riad. Alcuni dei detenuti si trovano all’hotel Ritz-Carlton della capitale.