Condannata a 8 anni la 15enne danese che voleva far saltare scuola ebraica

Caso Kundby: l’adolescente danese è stata condannata a otto anni di carcere con l’accusa di aver progettato un attentato per far esplodere il suo liceo e una scuola ebraica a Copenhagen, la Caroline school. La ragazzina, che a 15 anni si era convertita all’Islam, era entrata in contatto con esponenti dello Stato Islamico tramite Internet e si era rapidamente radicalizzata. La ragazzina viveva nella cittadina di Kundby, un’ottantina di chilometri a ovest di Copenhagen. All’epoca del suo arresto, nel gennaio 2016, la polizia aveva trovato in camera sua componenti chimici ed istruzioni per fabbricare esplosivi. Durante la detenzione, l’adolescente ha pugnalato più volte un assistente sociale con i vetri di uno specchio rotto. Il pubblico ministero aveva chiesto una detenzione illimitata, in quanto la ragazza, che è la prima donna in Danimarca a essere stata accusata di terrorismo, era pericolosa per la società.