Colle Oppio, Sgarbi: Raggi intollerante, non conosce la storia del Msi (video)

Colle Oppio non si tocca, è un pezzo di storia, di arte, di memoria. Vittorio Sgarbi scende in campo  a difesa della sede del Msi dal 1946 (poi di An, poi di Fratelli d’Italia) di via delle Terme di Traiano a Roma, già presidio degli esuli giuliano dalmati preseguitati dal maresciallo Tito, messa sotto sigilli dalla sindaca della Capitale, Virginia Raggi. Quella della sezione di Colle Oppio è una storia che «comincia da Almirante», dice Sgarbi, e si allunga negli anni nel rispetto della democrazia. L’azione dell’amministrazione Raggi, che non è riuscita a trovare un accordo sull’affitto dei locali, è demenziale – spiega il critico d’arte, intervistato dalla giornalista Sabrina Fantauzzi. Un atteggiamento “fascista”, l’opposto di quello che la Raggi intendebbe reprimero ignorando il percorso democratico  e costituzionale della destra. «La Raggi, una deficiente, dimostra intolleranza verso le donne (Giorgia Meloni è l’unica leader di partito donna), gli istriani e la democrazia».