CasaPound condanna l’aggressione al giornalista di “Nemo”

«Ci vuole poco a fare chiarezza. Roberto Spada non è un esponente di CasaPound. Con lui non condividiamo nulla, se non una sua presenza a una festa per bambini in piazza 18 mesi fa. Non rispondiamo certo delle sue azioni e la violenza è sempre deprecabile». Lo scrive su Twitter il vicepresidente di CasaPound Simone Di Stefano, in merito all’aggressione avvenuta a Ostia ai danni del giornalista di Nemo Daniele Piervincenzi.

L’esponente di CasaPound ha poi aggiunto all’Adnkronos: «Quando però nel 2015 gli Spada fecero il loro endorsement per il M5S non ci fu nessun attacco». «Si  favoleggia – dice ancora Di Stefano – che il nostro 9% di voti a Ostia l’abbiamo ottenuto grazie al clan Spada quando in tutti quartieri popolari di Ostia abbiamo  sfiorato punte del 21%. Abbiamo ottenuto ottimi risultati d’appertutto, non solo a Villaggio San Giorgio».