Brexit, la May gioca d’anticipo e incontra le Confindustrie europee

Theresa May lunedì incontrerà i rappresentanti delle principali organizzazioni confindustriali europee, per discutere le “opportunità comuni” derivanti dall’uscita del Regno Unito dalla Ue. Lo ha annunciato Downing Street, anticipando che la premier britannica nel corso dell’incontro illustrerà “l’importanza nel mantenere e sviluppare le forti connessioni tra il mercato britannico e quello europeo”. La May ribadirà l’intenzione di Londra di concordare con Bruxelles un “periodo di implementazione di circa due anni” dal momento dell’uscita del Regno Unito dalla Ue, che come ha indicato la stessa premier avverrà alle 23 del 29 marzo 2019. All’incontro parteciperanno tra gli altri i rappresentanti di BusinessEurope, Confederation of British Industry (Cbi), Bundesverband der Deutschen Industrie (Bdi), Mouvement des entreprises de France (Medef). La Confindustria sarà rappresentata dal direttore generale, Marcella Panucci. Saranno presenti il capo negoziatore britannico per la Brexit, David Davis e il ministro dell’Industria, Greg Clark. Per quanto riguarda la questione irlandese, essa ha un'”unicità” che Londra riconosce e che richiederà soluzioni nell’ambito della Brexit, ma “questo non può risultare nella creazione di un nuovo confine all’interno del Regno Unito”. Lo afferma il responsabile britannico dei negoziati per la Brexit David Davis, in conferenza stampa a Bruxelles al termine della due giorni di discussioni bilaterali di questa settimana.