Banche, incontro a porte chiuse tra Renzi e Casini: è bufera

Incontro a porte chiuse, sulla spinosa questione delle banche,  tra Pier Ferdinando Casini e Matteo Renzi. Il colloquio tra il presidente della Commissione bicamerale d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario e il segretario del Pd si è tenuto a Firenze, nella sede del Consiglio regionale della Toscana, ed è durato una ventina di minuti. Sia Casini che Renzi, al termine dell’incontro, sono andati via senza rilasciare dichiarazioni.

All’uscita Renzi, sollecitato più volte dai giornalisti, non ha detto niente sui temi al centro del colloquio. «Devo andare a fare la spesa», ha aggiunto sorridendo il segretario del Pd lasciando il Palazzo del Pegaso in via Cavour, a pochi passi da piazza Duomo.

Subito s’è scatenata la bufera politica per il carattere singolare dell’incontr. Attacca  il M5S. «Perché Casini incontra Renzi in privato in Toscana? È emerso che i due avrebbero parlato dei lavori della Commissione d’inchiesta sulle banche e di possibili convergenze elettorali. Già il semplice incrocio dei due temi rasenta lo scandalo» . Per i pentastellati Casini si fa dettare l’agenda da Renzi.

Non s’è fatta attendere la risposta di Casini: «I 5 Stelle stiano sereni: se ci fosse stato qualcosa di riservato non avrei visto Renzi davanti a centinaia  di persone».