Un Garante a tutela delle vittime: la proposta di FdI per una giustizia più giusta

Un disegno di legge per l’istituzione del Garante nazionale tutela vittime e un altro progetto di legge per modificare l’attuale norma sul rito alternativo del patteggiamento. Sono due proposte, firmate rispettivamente dai deputati Walter Rizzetto di FdI e Nicola Molteni della Lega Nord, presentate alla Camera.

L’attenzione su chi subisce reati

I contenuti delle misure proposte da FdI e Lega sono stati illustrati insieme all’avvocato Elisabetta Aldrovandi, presidente dell’Osservatorio nazionale sostegno vittime, e ai familiari di vittime di reati, come Andrea Masini, figlio di una delle persone uccise da Adam Kabobo, e la madre di Jennifer Sterlecchini, la ragazza uccisa a coltellate dal fidanzato. «Veniamo da 5 anni in cui in Parlamento si è discusso solo di criminali e detenuti e mai di vittime. Non è mai stata rivolta attenzione a chi il reato lo subisce», ha spiegato Molteni, aggiungendo che «questa proposta punta a riaffermare il principio della certezza della pena: chi sbaglia paga, senza indulti o indultini».

Il Garante nazionale per la tutela delle vittime

La proposta di Rizzetto, invece, a istituire un Garante nazionale per la tutela vittime, ovvero «un garante che, con una sorta di consiglio, va a determinare quanto può essere giusto o ingiusto il trattamento per le vittime», ha sottolineato l’esponente di FdI, auspicando il sostegno delle altre forze politiche, perché, ha aggiunto, «quando si parla di garanzie e diritti non dovremmo neanche guardare la bandiera politica, ma essere tutti d’accordo».