Twitter, nuove regole: al bando bullismo, molestie e donne nude

Twitter contro bulli e “contenuti tossici”. Nelle prossime settimane saranno infatti introdotte nuove regole mirate a ridurre abusi e molestie sul social network. L’intenzione era già stata anticipata di recente da Jack Dorsey, fondatore della piattaforma, ma ora la novità è che la rivista statunitense Wired è entrata in possesso di una mail interna inviata dal responsabile della sicurezza al Trust and Safety Council dell’azienda. Una mail (confermata dallo stesso Dorsey con un tweet) contenente dettagli sulle nuove regole che Twitter intende attuare nelle prossime settimane. Approcci sessuali indesiderati, nudità “non consensuale”, simboli d’odio, gruppi violenti e tweet che inneggiano alla violenza. Questi i comportamenti che il Ceo di Twitter mira a contrastare modificando le regole del suo social network e per raggiungere l’obiettivo la società starebbe tenendo incontri e riunioni quotidiane sull’argomento.

Nudità non consensuale

Pubblicare foto di nudo o dal contenuto sessuale esplicito è già vietato da Twitter. In questi casi, per ora, le persone sono tenute ad eliminare i tweet in questione e i loro account vengono temporaneamente bloccati. Il nuovo approccio che Twitter intende assumere in questi casi vede la sospensione immediata e permanente di qualsiasi account che viene identificato come “fonte di nudità non consensuale”. Il concetto di “nudità non consensuale” è però difficile da delineare dal momento che Twitter consente contenuti pornografici e, su stessa ammissione dello Staff, è quasi impossibile distinguere quando un contenuto è stato prodotto e distribuito consensualmente e quando invece rappresenta un abuso. In caso di dubbio, le immagini verranno comunque rimosse perché prevarrà la protezione delle vittime.

Approcci sessuali indesiderati

Anche distinguere tra avances non richieste e semplici tentativi di approccio non sarà semplice. Fino ad ora, Twitter ha contato sulle segnalazioni degli utenti partecipanti a conversazioni ambigue, ma anche su questo fronte sono previsti aggiornamenti. Gli utenti che mostrano determinati segnali saranno monitorati più attentamente e verranno presi in considerazione anche eventuali comportamenti indesiderati segnalati in precedenza.

Violenza

Stretta in arrivo anche sul fronte della violenza. Non solo contro tutti quei simboli che contribuiscono a creare un immaginario d’odio, ma anche contro quei gruppi che “utilizzano violenza per portare avanti la loro causa”. Maggiore attenzione anche verso tutti quei tweet che inneggiano all’odio e alla violenza come minacce dirette e indirette e anche verso chi glorifica o non condanna omicidi o atti terroristici.