Totò Riina sta male e (forse) è stato operato: deciso il rinvio dell’udienza

Il boss di Cosa Nostra, Totò Riina, sta male e sarebbe stato operato. Un intervento chirurgico di cui non si ha certezza, ma che non cambia il giudizio sul suo stato di salute: i giudici della sesta sezione del tribunale di Milano hanno deciso di sospendere l’udienza per legittimo impedimento e di rinviarla a martedì prossimo.

Riina all’ospedale di Montecchio

Riina, che ha sempre assistito alle udienze in videoconferenza da Parma, è a processo per le minacce al direttore del carcere di Opera Giacinto Siciliano.  Secondo alcune informazioni di stampa, Riina sarebbe stato stato operato ieri all’ospedale di Montecchio Emilia per una conseguenza delle condizioni di salute in cui versa. Il boss, ricoverato da tempo in regime di 41 bis all’ospedale Maggiore di Parma, sarebbe stato trasferito e operato nella struttura specializzata per interventi al pavimento pelvico. L’intervento avrebbe avuto esito positivo e Riina sarebbe già stato ritrasferito nel reparto dove è detenuto all’ospedale di Parma. Informazioni che non trovano nessun tipo di conferma ufficiale.  Quello che è certo è stato fornito un certificato medico, per spiegare che Riina «non può essere al momento trasportato al di fuori della sezione detentiva in ragione delle sue condizioni di salute». Un giallo, quello dell’intervento chirurgico, che ha portato il  presidente del collegio, Raffaele Martorelli, prima a decidere per una breve sospensione, poi per un rinvio al 24 ottobre. «Stiamo parlando di una vicenda paradossale – commenta – dal momento che abbiamo una comunicazione estremamente sintetica a fronte dei siti che ne parlano ampiamente». Lo stesso difensore Mirko Perlino parla di «voci di corridoio».