Terremoto, e poi? È record di recuperi dei beni, ma le città sono ancora deserte (VIDEO)

Terremoto e dintorni. Il video non ha sonoro: ma le immagini parlano da sole e sono abbastanza eloquenti: sia su quanto siano stati fin qui soddisfacenti e forieri di risultati importanti conseguiti con gli interventi da record condotti dai Vigili del Fuoco per il recupero dei beni lasciati nelle case dichiarate inagibili per il terremoto di oltre un anno fa in Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo – si parla di un numero incredibile: 62459 – sia perché, ancora una volta, le immagini documentano la realtà di città fantasma. Di macerie ovunque. Di case abbandonate. Di una ricostruzione ancora di là da venire. Di abitazioni – e vite – sottratte agli abitanti di quelle terre del centro Italia martoriate dal sisma e ancora troppo trascurate da chi dovrebbe lavorare incessantemente per il ritorno alla normalità.