Roma violenta, cingalese fugge dalla polizia: nell’auto ha un coltello da 20 cm

Roma fa paura, e ad ogni giorno che passa sempre di più. La microcriminalità radicata su un terreno urbano in preda al degrado tiene sotto scacco interi quartieri della capitale, e come se tutto questo non fosse già abbastanza, cani sciolti e sbandati in azione fanno il resto. E allora, ancora una volta si torna a parlare di un inquietante episodio notturno avvenuto durante in zona Flaminio Nuovo, durante un’operazione di controllo del territorio di alcuni agenti del commissariato zona, che in largo Sperlonga hanno notato un’auto sospetta e hanno deciso di procedere al controllo.

Nell’auto ha un coltello da 20 cm: fermato clandestino cingalese

Sospetti che si sono rivelati fondati quando, avvicinatisi al mezzo, i poliziotti hanno chiesto all’uomo al voltante  – un immigrato originario dello Sri Lanka e in Italia senza fissa dimora – i documenti personali e dell’auto, e lui ha provato immediatamente a scappare. Fermato e bloccato lo straniero dopo una breve colluttazione, gli agenti hanno proceduto alla perquisizione della macchina dove hanno rinvenuto un coltello di circa 20 centimetri, con lama di 8 centimetri e manico in legno di circa 12 cm. A quel punto il 46enne cingalese, che è risultato avere a suo carico diversi precedenti penali è stato arrestato per resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e sostituzione di persona, oltre che – come riporta il Messaggero online – «denunciato per porto di armi od oggetti atti ad offendere. La macchina sulla quale viaggiava senza patente di guida è stata sottoposta a fermo amministrativo».