Roma multiservizi licenzia 400 lavoratori. La Raggi se ne lava le mani (video)

 

Era il 2014 quando Virginia Raggi protestava sotto al Campidoglio contro l’allora sindaco Ignazio Marino in favore dei lavoratori della Roma Multiservizi. Oggi che l’esponente M5s siede sulla poltrona di sindaco, il licenziamento di 400 lavoratori da parte dell’azienda capitolina diventa un affare che non riguarda più il Campidoglio.

L’annuncio di Bina, dg Ama nominato dalla Raggi

Sono le contraddizioni della politica grillina, andate in scena nell’aula consiliare del Campidoglio. Ad annunciare la drastica misura, il direttore generale di Ama Stefano Bina (diretta emanazione della Raggi) intervenendo in commissione Trasparenza di Roma Capitale in merito alle procedure di mobilità avviata per i lavoratori di Roma Multiservizi, società collegata ad Ama. «Cosa può fare Ama? L’autonomia di questa procedura è in mano al cda di multiservizi», dice Bina, lavandosene le mani. Bina ha reso noto che i dipendenti coinvolti nell’«ulteriore riduzione» di organico stimata al 31 dicembre 2017 sarebbero 398. 

romamultiservizi 

“A casa 398 lavoratori entro il 2017”

Quanto alla diminuzione del fatturato e dei ricavi, l’ad di Roma Multiservizi Trenti elenca tra le cause la «cessazione nel 2017 delle principali commesse, individuate nel contratto di subappalto convenzione Consip scuole Stato, per un valore all’anno di 15 milioni, e la commessa Atac per un valore annuale di 20 milioni. Nel prossimo anno è in scadenza la commessa global service scuole di Roma Capitale, fissata al 31 luglio 2018, per un valore per anno scolastico di 40,5 milioni». Tutto questo, «unito alla generale crisi economica e del settore».

“Se la Raggi non interviene è d’accordo coi licenziamenti”

Per il capogruppo della lista Marchini in Campidoglio Alessandro Onorato da parte della giunta Raggi c’è un atteggiamento omissivo. «Ci venite a prendere in giro in una commissione pubblica davanti a lavoratori che stanno per essere licenziati”» ha aggiunto rivolgendosi all’azienda e al direttore generale di Ama Stefano Bina. Sempre rivolgendosi a Bina Onorato ha detto: «O convoca il cda e revoca i vertici o se non lo fa significa che voi siete d’accordo e lo è anche Roma Capitale».