Renzi in cattedra a Firenze per spiegare com’è bella l’Europa agli studenti Usa

Prima lezione per Matteo Renzi, segretario del Pd, nella sua nuova veste di professore della sede di Firenze della Stanford University. L’ex premier è arrivato alla sede dell’ateneo americano, a Palazzo Capponi, in centro storico, intorno alle 13. Dopo aver superato giornalisti e fotografi che erano ad attenderlo, Renzi ha fatto lezione per circa un’ora e mezzo a un gruppo di studenti, parlando in inglese. L’ex presidente del Consiglio è il titolare del corso “Lo stato dell’Unione: sfide e opportunità nell’Europa di oggi“, che avrà cadenza settimanale. Il corso sull’Unione europea è rivoltò agli studenti del Breyer Center, la sezione fiorentina della Stanford university. L’Europa è stato così il tema principale della sua prima lezione, anche se un’attenzione particolare è stata dedicata da Renzi alla città di Firenze, di cui è stato sindaco. all’uscita, ai cronisti, Renzi ha detto a proposito della sua prima lezione in cattedra: «E’ andata bene». E poi, sempre rivolto ai cronisti, ha aggiunto: «Ma parlano loro», riferendosi alla trentina di studenti che uscivano dalla sua lezione. E proprio alcuni studenti hanno raccontato ai giornalisti che Renzi ha “parlato in un buon inglese” ed è stato anche “brillante”.