Renzi alla Lazio: «In campo con la stella di David sulla maglia»

Non si placa la bufera sui tifosi della Lazio dopo lo scempio degli adesivi con l’immagine di Anna Frank attaccati allo stadio allo scopo di offendere i tifosi della Roma. Il presidente del club biancoceleste, Claudio Lotito, accompagnato da una folta delegazione del club di cui faranno parte anche alcuni giocatori, è atteso in mattinata per una visita la Sinagoga di Roma per esprimere la propria solidarietà alla comunità ebraica.

La condanna della politica sull’episodio si fa sentire. «Se io fossi il presidente di una squadra di calcio, domani scenderei in campo con la Stella di David al posto dello sponsor»,  interviene il segretario Pd  Matteo Renzi. Subito l’ex presidente della comunità ebraica di Roma Riccardo Pacifici propone alla Lazio di far scendere i giocatori in campo con la foto di Anna Frank sulla maglietta. Anche dall’Europa, in apertura della seduta plenaria dell’Europarlamento, il presidente Antonio Tajani ha condannato l’accaduto: “L’antisemitismo deve restare soltanto un’orribile esperienza del nostro passato, un’esperienza del secolo che si è concluso”.  Sul caso è anche stata aperta un’inchiesta della Figc per verificare le responsabilità del club di Lotito: la Lazio rischia una nuova e più pesante squalifica. Indagini sono state prontamente avviate anche dalla Questura di Roma per fare luce sull’episodio.