L’ultima follia della Raggi: far pagare le tasse ai volontari del verde

Tasse camuffate da assicurazioni dei volontari che si occupano del verde cittadino. È l’ultima trovata della sindaca di Roma per fare cassa.

Una svista? Una beffa: non bastano parchi e aiuole degradate e abbandonate, non basta che i cittadini spontaneamnete si mettano a ripulire strade e aree verdi, ora Virginia Raggi decidee che questi volenterosi debban sottoscrivere un’assicurazione. Cioé, come denuncia il capogruppo azzurro al Comune di Roma, «il cittadino che paga le tasse, ma si trova costretto a dover sistemare come volontario il verde pubblico perché l’amministrazione è lacunosa, deve anche versare soldi per un’assicurazione». Una follia. Alcuni comitati cittadini hanno subito presentato ricorso al Tar, giustamente indignati e sorpresi della “pensata” della Raggi. «Ma ciò che è molto chiaro anche senza il parere di un giudice – denuncia l’opposizione capitolina – è l’abissale distanza che separa la giunta pentastellata dai cittadini romani, sempre più estranei nella loro città».