Quando il remake è un capolavoro: arriva il nuovo “Assassinio sull’Orient Express” (IL TRAILER)

Un cast stellare. Un intreccio giallo racchiuso in pochi vagoni di un elegantissimo treno, e che mette al centro del plot criminale tutti – nessuno escluso – i protagonisti sopravvissuti all’assassino. Il colpo di scena finale e tanta, tanta suspances. Torna il giallo sull’Orient Express: e torna grazie a Kenneth Branagh, sofisticatissimo regista e attore di questa nuova incursione nel mito di Poiret aggiornata all’era degli effetti digitali.

Torna nelle nostre sale un classico: “Assassinio sull’Orient Express”

Ma il prodigio virtuale e la ricostruzione kolossal di ambienti e personaggi nulla toglie alla fattura elegantemente artigianale del racconto filmico che avvince e seduce come nel più classico degli stilemi del genere. Assassinio sull’Orient Express, il nuovo adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo giallo di Agata Christie, che nel 1974 ha regalato al pubblico di cultori del thriller – letterario e cinefilo allo stesso modo – l’intramontabile pellicola interpretata, tra gli altri, da Albert Finney, Laura Bacall, Ingrid Bergman, Jacqueline Bisset, Sean Connery ed Anthony Perkins, stavolta vede confrontarsi con quelle intramontabili performances un cast all stars chiamato a far rivivere il mito e anon farlo rimpiangere. E non si rimpiange nulla dell’archetipo in questo capolavoro di stile e di recitazione firmato da Kenneth Branagh, in questo caso anche nella doppia veste di regista e attore del film con Johnny Depp, Penelope Cruz, Judi Dench e Michelle Pfeiffer. A partire dal 7 dicembre, allora, anche sul grande schermo delle nostre sale, l’esclusivo gruppo di celebrities chiamato a custodire il segreto di un successo pronto a rinverdirsi di nuovo smalto formale e linfa istrionica, si ritroverà a percorrere la tratta Parigi-Costantinopoli, e tra una tappa e l’altra, ad affrontare il mistero e i pericoli intrinseci a uno strano delitto: quello del gangster Samuel Edward Ratchett, alias Johnny Depp. A indagare sulla sua morte sarà Branagh, abile e misurato nel prestare volto e mimica indispensabili per far rinascere al cinema l’insuperabile Hercule Poirot che, tra vezzi privatissime e pubbliche virtù investigative, indagherà, come sempre, su ognuno dei compagni di viaggio, sospetti e pronti a scaricarsi vicendevolmente addosso dubbi e responsabilità.

Una raffinata incursione nel mito firmata Kenneth Branagh

Riuscirà anche stavolta il leggendario Poirot a rintracciare il colpevole di turno? Ovviamente – oppure no? – ma comunque la soluzione non arriverà prima di un’adrenalinica serie di sequenze mozzafiato e di repentini colpi di scena, all’insegna del tutto è come sembra, nulla è come appare. Prodotto dalla 20th Century Fox e sceneggiato da Michael Green, autore dello script di Blade Runner 2049, come recitano le note di produzione, Assassinio sull’Orient Express è stato girato tra Londra, Malta e il Colle del Gran San Bernardo, valico alpino tra l’Italia e la Svizzera. Le riprese del film, cominciate nel novembre del 2016, sono terminate lo scorso maggio. E tutto, davvero tutto, si incastra alla perfezione in questo mitico mosaico d’arte cinefila e d’intrattenimento spettacolare, su cui tornerà a breve a rialzarsi il sipario.