Picchia e stupra una ragazza: preso marocchino. Era in Italia da pochi giorni

Un ragazzo di 26 anni, cittadino marocchino, è stato arrestato a Rozzano, alle porte di Milano, perché accusato di violenza sessuale, rapina e lesioni personali. La vittima è una connazionale di 28 anni, aggredita nella notte dello scorso 8 ottobre all’uscita da un locale notturno della zona. La donna nel corso della serata era stata avvicinata dal 26enne che aveva ripetutamente tentato di approcciarla, anche offrendole della droga, ma senza successo. La ragazza, rimasta sola, aveva accettato un passaggio a casa, venendo ripetutamente palpeggiata nelle parti intime durante il tragitto in auto.

Il marocchino ora è nel carcere San Vittore di Milano

All’ennesimo rifiuto di un rapporto sessuale, l’uomo aveva fermato l’auto e aveva iniziato a colpire la ragazza con schiaffi e pugni, trascinandola fuori dal veicolo, scaraventandola a terra e colpendola con calci. Poi le aveva rubato la borsa ed era fuggito a piedi, abbandonando l’auto, di proprietà di un connazionale. Dagli accertamenti avviati per identificare l’aggressore, ripreso da una telecamera di videosorveglianza mentre si allontanava con la borsa della donna, è stato identificato l’uomo, arrivato in Italia da pochi mesi. Ufficialmente era nel nostro Paese per raggiungere la sorella residente a Rozzano, ma in questo breve tempo era già divenuto noto alle forze dell’ordine. Il 26enne è stato arrestato dai carabinieri e portato nel carcere di San Vittore.