Nuovo scandalo sanità a Napoli: la gamba rotta sollevata con una tanica

Un nuovo scandalo travolge la sanità campana. E a farlo è esplodere è di nuovo una foto scattata e poi postata sui social da pazienti o loro congiunti. Stavolta a essere immortalato, all’ospedale Cardarelli di Napoli, è stato un metodo di trazione di una gamba rotta alquanto “originale”: il contrappeso che tiene alzata la gamba è una tanica piena, si presume, d’acqua. 

Le foto di denuncia su Facebook

La scena è stata immortalata con due foto, poi rese pubbliche attraverso il gruppo Facebook “Figli delle chiancarelle”. Un utente le ha postate senza commento, ma c’è voluto poco perché nello spazio dei commenti diventassero un atto d’accusa nei confronti della sanità targata Vincenzo De Luca. Nessuna spiegazione è stata fornita dalla struttura ospedaliera, che un paio di mesi fa era finita all’attenzione della cronaca per il caso salma “appoggiata” davanti al bagno della medicheria. In linea teorica si trattava di uno spazio chiuso al pubblico, ma nella realtà quel bagno veniva utilizzato anche dagli utenti dell’ospedale, che così si sono trovati faccia a faccia col cadavere. 

L’ospedale promette «accertamenti»

Il primario del reparto, Gaetano Romano, raggiunto dal Corriere della Sera, ha preferito non parlare, rimandando a un chiarimento della direzione generale dell’ospedale. È toccato quindi al responsabile, Ciro Verdoliva, far sapere che «faremo i dovuti accertamenti e capiremo perché si è agito così». Oltre al precedente del cadavere davanti al bagno, altri due episodi scoperti negli ospedali napoletani hanno scosso l’opinione pubblica negli ultimi mesi: uno è il caso della paziente nel letto ricoperto di formiche all’ospedale San Paolo e l’altro è quello della presenza di scarafaggi tra i farmaci, denunciata da un consigliere regionale, all’ospedale San Giovanni Bosco.