Nobel per la Pace all’Ican: premiate le campagne contro le armi nucleari

La campagna internazionale per abolire le armi nucleari (Ican) è il vincitore del Premio Nobel per la Pace 2017. Lo ha annunciato  il comitato norvegese del Nobel affermando che con questo premio si vuole riconoscere «il suo lavoro per attirare l’attenzione alle catastrofiche conseguenze umanitarie di ogni uso di armi nucleari».

Premio Nobel per la Pace, le motivazioni

«Stiamo mandando un messaggio a tutti gli stati in particolare agli stati nucleari», ha detto, illustrando le motivazioni del premio, la presidente del Comitato del Nobel norvegese, Berit Reiss-Andersen. L’assegnazione all’Ican incarna le «intenzioni di Alfred Nobel» ovvero risponde «a tre criteri del premio: la promozione della fraternità tra le nazioni, l’avanzamento del disarmo e del controllo delle armi e la promozione di congressi di pace». «L’Ican – ha aggiunto Berit Reiss-Andersen – è fortemente impegnata nel raggiungimento del disarmo nucleare» e «ha giocato un ruolo importante». «È ferma convinzione del comitato Nobel – ha riferito – che l’Ican più di ogni altro abbia dato un contributo enorme e un nuovo vigore al progetto di un mondo senza armi nucleari».

La campagna internazionale per il disarmo

La campagna internazionale lanciata nel 2007, che oggi conta 468 gruppi in 101 Paesi, mira a promuovere la piena applicazione del Trattato per la proibizione delle armi nucleari, approvato il 7 luglio 2017 con l’adesione di 122 Paesi. Tra i 66 Paesi che non hanno partecipato formalmente ai negoziati vi sono quelli con armi nucleari: Stati Uniti, Russia, Regno Unito, Francia, Cina, Israele, India, Pakistan e Corea del Nord.