Movimento nazionale, in 20mila per dire “no” all’invasione e “sì” al lavoro (2 video)

Grande successo per il corteo per il lavoro italiano e contro l’invasione dei clandestini, che si è svolto oggi da piazza Esedra a piazza San Silvestro a Roma. Migliaia e migliaia di persone, oltre ventimila, sono scese in piazza per dire forte e chiaro il loro “no” a una serie di cose che stanno distruggendo l’Italia: la disoccupazione, l’invasione clandestini con la complicità di certe ong e con la passività della Marina militare italia. Il Movimento nazionale per la Sovranità ha organizzato la manifestazione, alla quale hanno aderito Noi con Salvini, Forza italia e altri gruppi di centrodestra. Il corteo, indetto da Gianni Alemanno e Francesco Storace in favore del lavoro italiano e contro l’invasione di clandestini, ha visto la partecipazione di cittadini decisi a tornare alla politica di piazza, affinché un governo abusivo ìsi renda conto che è arrivato alla fine dei suoi giorni. Prendendo la parola, Gianni Alemanno ha detto: “Noi abbiamo voluto questa grande manifestazione per due motivi: il primo è per dire via il governo Gentiloni, avete fatto anche troppi danni. Vogliamo andare a votare, e non si sogni di far passare lo Ius soli. Ma noi oggi, qui, siamo la risposta di popolo a questo governo devastatore. Alemanno ha poi ricordato, passando al secondo motivo ispiratore della manifestazione, che negli anni dello sgoverno Renzi- Gentiloni sono entrati in italia oltre settecentomila clandestini, ora basta”. “Noi chiediamo – ha proseguito Alemanno – un blocco navale militare per bloccare questa nuova invasione di islamici e forse anche terroristi islamici”. Alemanno ha poi denunciato, a proposito del tema della disoccupazione, il fatto che “idati dell’Istat sono falsati, perché l’Istituto di statistica considera occupato anche chi lavora un’ora al giorno e non considera quelle persone che, sfiduciate, il lavoro non lo cercano neanche più. Oggi ci sono due milioni di disoccupati, ed è per questo che noi in questa battaglia per il lavoro il centrodestra si schieri decisamente, ci deve essere lavoro per tutti. L’Italia deve alzare la voce contro la Ue, occorre andare a Bruxelles e rovesciare i tavoli contro questa Europa che non crea lavoro”. Da parte sua Francesco Storace, presidente del Movimento nazionale, che ha ringraziato tutti i partecipanti al corteo, ha fatto gli auguri a Nello Musumeci, impegnato con la campagna elettorale siciliana. “Siamo venuti da tutta italia per rappresentare la rabbia di un popolo, che non ce la fa più a vedere un governo illegittimo, la disoccupazione, e l’invasione dei clandestini”. E, rivolgendosi al parlamento, ha detto: “Smettete di fare leggi inutili, ma quale Ius soli, ma quale legge Fiano, fate leggi in favore del popolo, altrimenti dimettetevi”. Alla manifestazione hanno aderito, tra gli altri, Gioventù identitaria di Brian Carelli, poi per Forza Italia Maurizio Gasparri,Pietro Laffranco e Fabrizio di Stefano; Barbara Saltamartini e Francesco Zicchieri hanno rappresentato Noi con Salvini; poi Alessandro Meluzzi, il Movimento Patria, l’Asi di Claudio Barbaro, il Fronte identitario di VIncenzo Sofo e decine di associazioni culturali, sociali e politiche, tra cui le associazioni immigrati regolari e numerose sigle sindacali.