Mondiali, l’Italia pesca la Svezia e già trema. “Sono fortissimi…”

“Non era l’avversario che volevamo….”. Gabriele Oriali, team manager della Nazionale italiana, già mette le mani avanti. Anche la Svezia, pescata dall’Italia nei sorteggi per gli spareggi, fa paura a questa Nazionale italiana allenata da Gianpiero Ventura e costretta a disputare i playoff per andare al Mondiale di Russia 2018. L’andata sarà giocata in trasferta il 10 novembre, il ritorno in casa il 13 novembre forse a Milano. Irlanda del Nord-Svizzera, Croazia-Grecia e Danimarca-Irlanda gli altri accoppiamenti.

Un attimo dopo il sorteggio, s’è capito che la Svezia, numero 25 del ranking mondiale e priva del fuoriclasse Ibrahimovich, ancora infortunato, ci fa maledettamente paura.  “Il destino ha deciso così. Dal mio punto di vista sarebbe potuto andare meglio – è il primo commento del team manager azzurro Gabriele Oriali -. Ma siamo l’Italia, con una tradizione che non ci deve far temere nessuno. Però, sicuramente, di fronte ci sarà un avversario scorbutico.La Svezia è riuscita a passare in un girone difficile: è riuscita a battere in gara secca la Francia e ha eliminanato l’Olanda”.
 
Fisicità e ordine, con un 4-4-2 fisso, pericoli numeri uno l’attaccante esterno Forsberg e le punte Berg e Toivonen. Perfetti sconosciuti, sarebbe il titolo di un film. La Svezia, nel girone eliminatorio, è arrivata seconda alle spalle della Francia e ha eliminato l’Olanda.