Minniti tenta di dire qualcosa di sinistra: «Ius soli impegno solenne»

Si avvicina la campagna elettorale e Marco Minniti sarà stato sicuramente colto da improvviso timore politico. Non si spiegherebbe altrimenti l’improvvisa raffica di dichiarazioni di sinistra partita oggi dalla bocca del ministro dell’Interno. Dobbiamo «lavorare per andare oltre i confini del Pd e costruire una grande alleanza per sconfiggere i populismi»,  dice lapidario Minniti nel suo intervento alla conferenza programmatica dei dem. Sullo ius soli il ministro dell’Interno incita il suo partito a non mollare: «Prenda un impegno solenne».  In questo ambito Minniti lancia anche un appello all’unità della sua parte politica: «Il popolo di sinistra non ce lo perdonerebbe». Insomma, un vero e proprio ritorno alle origini  in vista delle imminenti battaglie politiche, dentro e fuori il suo partito. Minniti ha chiaramente paura di essere catalogato come un ministro di “destra” per effetto della sua politica sui migranti come responsabile del dicastero dell’Interno.  Cose che capitano alla gente di sinistra: hanno perso il treno con la storia, ma guai ad ammetterlo. E allora vai con le acrobazie più incredibili. E faticose.