Meloni: «Renzi e Boschi, con quale coraggio parlate di banche. Pensate ai truffati»

Giorgia Meloni interviene dal suo profilo Fb sul caso Bankitalia. Lo fa rivolgendosi direttamente a Renzi e alla Boschi: «Hanno ancora il coraggio di parlare di banche dopo quello che hanno fatto con Banca Etruria e co. Se proprio devono dire qualcosa sul tema, allora si dedichino a trovare una soluzione per risarcire i risparmiatori truffati prima dalle banche e poi dai decreti del governo».

Meloni: “Scandaloso quello che è accaduto”

Tante le ragioni per le quali Fratelli d’Italia ritiene grave e scandaloso quello che è successo, nel merito ma anche nel metodo, con l’incontro informale tra il governatore di Bankitalia Visco e l’Ufficio di presidenza della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche. «Ne citiamo solo tre», ha spiegato la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. La prima: non c’è stata nessuna comunicazione formale sull’incontro e i commissari ne sono venuti a conoscenza soltanto dalle agenzie di stampa. La seconda: l’incontro ha visto la presenza solo del presidente Casini e dei vicepresidenti Brunetta e Marino, mentre sarebbe stato opportuno integrare l’Ufficio di presidenza con i rappresentanti dei gruppi parlamentari. La terza: come risulta dalle dichiarazioni rilasciate alle agenzie da uno dei vicepresidenti, durante l’incontro è stato di fatto modificato il calendario dei lavori, violando l’articolo 5 del regolamento interno della Commissione, che esplicitamente prevede che a predisporlo sia l’Ufficio di Presidenza integrato dai rappresentanti dei gruppi parlamentari». Siamo di fronte a pesanti violazioni regolamentari che non possono essere ignorate, e per le quali «chiediamo l’intervento dei Presidenti delle Camere, finora silenti. Tra l’altro l’insieme delle notizie emerse lascia intendere che il calendario dei lavori della commissione sarebbe stato fatto dal presidente Casini alla presenza di Ignazio Visco. Ora, se il presidente della commissione di inchiesta sul sistema bancario intende farsi dirigere dal Governatore di Bankitalia allora la farsa è talmente evidente che la Commissione può essere anche sciolta immediatamente».