Maledizione assessori per la Raggi. Anche Lemmetti (indagato) rischia di saltare

Ormai è ufficiale. Peggio della maledizione di Tutankhamon c’è solo quella della Raggi e dei suoi assessori. In particolare quella che colpisce gli assessori al Bilancio del Comune di Roma. Anche l’attuale assessore al Bilancio, Gianni Lemmetti, rischia di saltare presto dalla sua poltrona. A spingerlo verso le dimissioni o la sfiducia la notizia del possibile rinvio a giudizio. «A quanto pare – ha reso noto Lemmetti su Facebook – sarei indagato nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Livorno. Si tratta di un’indagine rispetto alla quale non ho mai ricevuto avvisi di garanzia o altre comunicazioni».

Lemmetti indagato per turbativa d’asta

«Non sono al corrente dei contenuti dell’inchiesta – prosegue l’ex assessore livornese, oggi in Campidoglio – ma a quanto ho potuto ricostruire riguarderebbe una presunta turbativa d’asta in una gara indetta dal consiglio di amministrazione della Società del porto industriale di Livorno, all’interno della quale non ho mai ricoperto alcun ruolo. In attesa di ricevere informazioni ufficiali, sono a disposizione degli inquirenti per qualunque chiarimento e ho piena fiducia nel loro operato» .

In un anno la Raggi ha cambiato quattro assessori al Bilancio

Lemmetti è il quarto assessore al Bilancio della giunta Raggi in poco più di un anno. Da Marcello Minenna, rimasto in carica un mese, a Raffaele De Dominicis (che non ha fatto neanche in tempo a essere formalmente incaricato), passando per Andrea Mazzillo, cacciato dalla sindaca in persona. Ultimo in ordine di tempo, prestato dal sindaco pentastellato di Livorno, è arrivato Lemmetti. Ma anche per lui la permanenza in Campidoglio potrebbe durare il tempo di un’ottobrata romana.