Las Vegas come il Bataclan: sparatoria al festival musicale. È strage (video)

È salito a 50 morti e 400 feriti il bilancio della sparatoria al Route 91 Harvest Festival, un festival di musica country a Las Vegas. A renderlo noto è stato il Los Angeles Times, citando fonti ospedaliere. La sparatoria è avvenuta alle 22.30 locali, le 7.30 in Italia, nei pressi del Mandalay Bay Casino sulla “strip” di Las Vegas, mentre suonava Jason Aldean. 

Neutralizzato un presunto attentatore

Inizialmente si era parlato di due morti e 24 feriti, ma in breve e progressivamente la polizia ha dovuto aggiornare con numeri ben superiori il drammatico bilancio della strage. La polizia inoltre ha fatto sapere con un tweet di aver identificato un presunto assalitore. La polizia ha spiegato di ritenere che non ve ne siano altri, ma il Las Vegas Review Journal ha parlato di più persone che hanno aperto il fuoco sul pubblico. Tutta la zona è stata chiusa. Non solo, anche alcuni voli diretti all’aeroporto McCarran di Las Vegas sono stati deviati a causa della sparatoria. 

Las Vegas come il Bataclan: «Ho strisciato sui morti»

L’attentatore (o gli attentatori), secondo quanto riferito dal Las Vegas Review, sarebbe entrati in azione dalle finestre di un piano alto del Mandalay Bay hotel. Sulla natura dell’attentato ancora non sono state date indicazioni, ma il tipo di assalto ricorda l’efferato attentato Isis al Bataclan di Parigi. «Proprio accanto a me al concerto c’erano dei morti. Abbiamo strisciato sui morti», ha riferito una delle spettatrici, citata dall’agenzia tedesca Dpa.

Video courtesy of Drew Akioshi. He was attending the concert at mandalay bay when shooting started. pic.twitter.com/mbyh9Y387q

— David Sakach (@davidsakach) 2 ottobre 2017