La Moric e il tweet fascista sui catalani: «Randellateli, viva Franco». Un fake?

Da due giorni in rete circola quel tweet in cui Nina Moric, soubrette considerata vicina a CasaPound, esprime la sua opinione sul referendum indipendentista dei catalani, invitando i poliziotti di Madrid a menare le mani: «Oggi vorrei essere anche io un poliziotto per randellarvi tutti come tonni. onore al generale Franco», è scritto in quel tweet che la stessa Moric, però, ha successivamente negato di aver messo giù. Un fake? Forse. 

Come già in altre occasioni aveva fatto, la bella Nina Moric getta la pietra e nasconde la mano, o forse davvero c’è qualcuno che al suo posto e con falsi profili tende ad “avvelenare” le acque intorno a lei. Di sicuro, dopo la bufera scoppiata per l’elogio del Generalissimo Franco, la Moric, su Facebbok, ha chiarito che i tweet a lei attribuiti non sono a lei riconducibili. Però le idee ce la ha chiare, su quella vicenda spagnola: lei sta con Madrid.

moric-2

La Moric e il pericolo degli indipendentisti italiani

«Cari signori, oggi in tanti mi hanno criticato per diversi post non fatti da me su Twitter e per ciò che ho scritto io qui su Facebook.  Io ripudio la violenza sia chiaro ma ripudio anche chiunque non rispetti le leggi, quindi sì io sto sempre con la polizia.  Oggi vi siete lasciati tutti manipolare dalle terribili immagini trasmesse dai tg sugli scontri a Barcellona, ma nessuno si è sforzato di capire cosa stesse succedendo realmente. In un periodo di crisi è normale che ci sia voglia di cambiamenti, l’indipendenza scozzese del 2014 e quella richiesta in catalogna giustamente repressa, anche perché a chi ha un po’ di cervello è veramente sembrata una messa in scena, avrebbero creato scompiglio anche in Italia, e vi spiego come…», scrive la soubrette su Fb. Da lì la Moric si lancia in una serie di riferimenti a tutti i gruppi indipendentisti italiani, dai veneti ai sardi, che potrebbero di punto in bianco ribellarsi allo stato entrale creando le condizioni per un “randellamento” anche in Italia, come l’avrebbe definito la falsa Moric. Da qui l’invito, della vera Moric, a non parteggiare per chi vuole attentare all’unità di un Paese, Spagna o Italia che sia…