“La manutenzione del Virgilio per la Raggi non era prioritaria”

«La Città Metropolitana di Roma ha fatto domanda per le indagini diagnostiche sui solai, ricevendo 277.000 euro per 32 interventi già finanziati, ma il Virgilio non è indicato come prioritario fra quelle richieste. La Città metropolitana di Roma ha infatti candidato 57 scuole e il Virgilio è la cinquantaduesima in graduatoria». Lo sostiene in una nota il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, a proposito del crollo del tetto dello storico liceo romano.

Fedeli contro la Raggi 

«Occorre che tutti facciano la propria parte. Anche gli enti locali, che, come proprietari degli immobili, sono centrali nell’individuazione delle priorità e nel finanziamento ulteriore degli interventi», osserva la Fedeli, tirando in ballo direttamente la sindaca Raggi. Anche facendo  riferimento al crollo avvenuto al liceo Virgilio di Roma, il ministro dell’Istruzione ricorda che il suo dicastero «sta lavorando alla creazione di un Fondo per gli interventi di emergenza sui solai delle scuole». 

Per la giunta Raggi il Virgilio era al 52mo posto su 57 scuole

«Il Fondo – spiega Fedeli – consentirà di intervenire nei casi di emergenze connesse alla manutenzione dei solai, come quello del Virgilio. Abbiamo già risorse interne che metteremo subito a disposizione e poi lavoreremo per rendere questo intervento strutturale. Portando avanti quell’impegno serio e importante che il governo sta dimostrando sul tema dell’edilizia scolastica, che riguarda il benessere e la sicurezza delle nostre studentesse e dei nostri studenti».

Edilizia scolastica: un’emergenza nazionale

«Come Ministero – ricorda Fedeli – abbiamo finanziato, con 40 milioni, oltre 7.000 ispezioni sui solai, oltre 6.000 sono state già realizzate. Quest’estate abbiamo sbloccato altri 7 milioni di euro per le ispezioni, per un ulteriore scorrimento delle graduatorie degli interventi richiesti».