Ius Soli, Boldrini: “Fare anch’io lo sciopero della fame? Ci sto pensando”

Aderirà allo sciopero della fame per l’approvazione dello Ius soli? «Ci penso, finora non ci ho ancora pensato anche se «è un tema su cui mi sono impegnata molto e il mio sostegno è scontato». Lo ha detto la presidente della Camera, Laura Boldrini, a Un giorno da pecora su Radio Uno.

Boldrini per lo Ius soli dimentica di essere super partes

Il 13 ottobre, il mondo della sinistra italiana, tornerà a manifestare insieme al movimento #Italianisenzacittadinanza e ai promotori della campagna L’Italia sono anch’io, per sostenere la necessità del voto immediato della riforma che introduce lo Ius soli. I soliti movimenti che si autodefiniscono depositari dell’opinione di genitori, insegnanti e studenti, scenderanno in piazza per chiedere l’approvazione della legge. Insieme a loro circa 70 tra politici (Pd, Mdp e Sel) e artisti come Alessandro Bergonzoni, Andrea Segre, Ascanio Celestini hanno aderito allo sciopero della fame per chiederne l’ok. Ieri Anche il ministro dell’Infrastrutture Graziano Delrio ha aderito allo sciopero. Ora l’adesione anche della Boldrini. Lo stesso premier Paolo Gentiloni ha caldeggiato l’iniziativa, definendo quella sulla cittadinanza una riforma di civiltà, impegnandosi ad approvarla entro l’autunno” affermano i promotori di quello che è stato battezzato Cittadinanza day. Ma in democrazia è il voto parlamentare quello che conta. Peccato che non lo sappia proprio la presidente della Camera, che dovrebbe essere super partes.