Giovane massacrato all’Eur, caccia alle belve. La mamma: “Chi ha visto parli”

L’appello della mamma e della sorella di G.D.C, il ragazzo di 17 anni trovato in fin di vita nel parcheggio della Nuvola di Fuksas, all’Eur, nel quartiere sud di Roma, è disperato, straziante: “Non si può morire così, chi ha visto qualcosa, nella notte tra venerdì e sabato, si faccia avanti subito”.  Parole scritte su Facebook alle quali hanno fatto seguito alcune segnalazioni, che avrebbero favorito il lavoro degli inquirenti. Il ragazzo potrebbe essere stato pestato dal branco, dopo una serata in discoteca, o essere scappato da una rissa ed essere stato travolto da un’auto in corsa.

Il giallo della scomparsa per alcune ore

La polizia avrebbe già identificato i giovani coinvolti nella lite scoppiata fuori alla discoteca dell’Eur, dove due cmitive di ragazzi si sarebbero fronteggiate, con il 17enne di Casalpalocco che avrebbe avuto la peggio. Il giovane, attualmente ricoverato in coma all’ospedale San Camillo, dopo la lite è scomparso per molte ore prima del suo ritrovamento nell’area esterna del centro convegni di viale Asia. A lanciare l’allarme un amico della vittima che intorno alle 4,30 ha chiamato il 112 per segnalarne la scomparsa. Il giovane è stato ritrovato solo l’indomani mattina alle 12,30. Le condizioni del ragazzo restano gravi ma stabili- Il minorenne è sottoposto a monitoraggi costanti in relazione al trauma cerebrale che ha subito. A poche centinaia di metri dal luogo del pestaggio, all’Eur, solo un mese fa cinque buttafuori avevano massacrato di botte, uccidendolo, Giuseppe Galvagno, imprenditore di 49 anni.