Gasparri: “Su contratti e risorse il governo ignora il comparto sicurezza”

«Le nostre denunce sul totale disinteresse dei governi di centrosinistra nei confronti del personale del comparto sicurezza difesa e soccorso pubblico hanno trovato l’ennesima conferma in questi giorni. In occasione degli incontri che il governo ha tenuto in vista della legge di Stabilità, infatti, nonostante gli annunci e i proclami dei mesi scorsi, sono stati totalmente ignorati i rappresentanti di queste categorie». Lo dichiarano in una nota congiunta i responsabili della Consulta sicurezza di Forza Italia, Maurizio Gasparri e Elio Vito.

“La Legge di Stabilità penalizza il comparto sicurezza e Difesa”

«Una prassi alla quale – aggiungono – questi governi ci hanno ormai abituato e sulla quale avevamo sollevato allarmi anche in occasione delle recenti calamità che hanno colpito il nostro Paese. Occasione in cui tutti hanno lodato le forze di sicurezza accorse in prima linea per poi puntualmente dimenticarle». «Sono ormai quasi tre mesi – proseguono – da quando la Funzione pubblica ha aperto l’attività di concertazione contrattuale, ma non c’è ancora mai stato alcun confronto e tantomeno si sono avute notizie sulle risorse o sul riconoscimento della specificità attraverso fondi aggiuntivi. Per quanto ci riguarda rivendichiamo orgogliosamente il fatto che l’ultimo governo a ricevere i rappresentanti di tutto il comparto sicurezza-difesa fu il governo Berlusconi. Continuiamo a sostenere la necessità che si dia maggiore attenzione alle istanze del personale che opera oramai in condizioni difficilmente sostenibili».