Eminem e la sua “eleganza” liberal, dito medio a Trump: «Ti odiamo!» (video)

Ed ecco Eminem. Ecco che pure lui spara su Donald Trump. “Odiamo Trump”, canta infatti il rapper newyorkese: quattro minuti di ‘tempesta’ contro il presidente degli Usa. Se ne sentiva la mancanza? No. E, tuttavia, buon ultimo, arriva anche Eminem, una delle stelle del firmamento del rap. E ‘dedica’ un freestyle a Donald Trump durante i BET Hip Hop Awards. “Abbiamo in carica un kamikaze che probabilmente provocherà un olocausto nucleare”, dice Eminem, aprendo la sua performance in un parcheggio di Detroit con le parole “calm before the storm“, la “quiete prima della tempesta” a cui Trump ha fatto riferimento pochi giorni fa in maniera sibillina dopo un summit con i vertici militari. L’attacco del rapper è a 360 gradi e riguarda anche le strategie di comunicazione della Casa Bianca. Il presidente punta alla “distrazione di massa quando attacca la NFL, così ci concentriamo su questo invece di parlare di Portorico o della riforma della legge per le armi in Nevada. Tutte queste tragedie, lui si annoia e preferirebbe una Twitter storm con i Packers”, dice riferendosi agli attacchi del presidente nei confronti delle squadre della National Football League finite nel mirino di Trump per le proteste inscenate durante l’esecuzione dell’inno nazionale. Spiccano, poi, le ‘barre’ indirizzate al pubblico: “Il resto d’America si alzi in piedi. Noi amiamo i nostri soldati e amiamo il nostro paese, ma odiamo il fottuto Donald Trump”. Quindi, il messaggio diretto ai propri fan: “Ognuno dei miei fan che è un suo sostenitore… Traccio una linea sulla sabbia: o siete a favore o contro. E se non sapete decidere chi vi piace di più e non sapete da che parte schierarvi… Lo farò io per voi: fottetevi“, conclude Eminem, mostrando il dito medio alla camera. Che altro dire? L’eleganza liberal è servita.