Ecco in che modo la Spagna commissarierà la Catalogna

È un documento in 16 punti quello che elenca le misure che il governo spagnolo intende adottare in Catalogna in virtù dell’articolo 155 per commissariare il governo locale. Le misure riguardano diversi ambiti, dall’amministrazione, l’economia, le comunicazioni e la sicurezza. In pratica l’intera amministrazione viene esautorata, dal governo al parlamento, passando per la polizia locale dei Mossos e i media pubblici locali. Governo locale. Il presidente della Generalitat, il vicepresidente e tutti i consiglieri del governo locale vengono destituiti dalle loro funzioni. Il governo spagnolo assume le competenze per convocare elezioni locali entro un tempo massimo di sei mesi. Amministrazione. L’amministrazione locale dovrà seguire le direttive degli organi che verranno creati dal governo di Madrid e agire solo se autorizzata. Il governo di Madrid potrà nominare, sostituire o destituire qualsiasi autorità, funzionario od organismo locale. I membri dell’amministrazione locale saranno responsabili in caso di mancata esecuzione degli ordini. Sicurezza e ordine pubblico. I membri della polizia locale dei Mossos d’Esquadra potranno essere sostituiti da effettivi delle forze di sicurezza dello Stato. Economia. Verrà garantito che i fondi della Generalitat non vengano impiegati per sostenere “il processo sovranista”. Comunicazioni. Il governo centrale eserciterà le funzioni della Generalitat relative al Centro di telecomunicazioni e tecnologie dell’informazione e al Centro di sicurezza dell’informazione. “Nel servizio pubblico” si “garantirà la trasmissione di una informazione veritiera, obiettiva ed equilibrata, rispettosa del pluralismo politico, sociale e culturale, così come con equilibrio territoriale”. Parlamento locale. La presidente del Parlament catalano non potrà proporre un candidato alla presidenza della Generalitat, né la Camera potrà votare o dibattere sull’investitura. Il Parlament non potrà esercitare funzioni di controllo sugli organi che sostituiranno il governo locale. Il Parlament non potrà portare avanti iniziative contrarie ai mezzi adottati con l’articolo 155. Il governo di Madrid potrà porre il veto entro 30 giorni alle iniziative del Parlament. Deroghe. I mezzi adottati saranno in vigore fino alle elezioni locali. Il governo di Madrid potrà anticiparne la fine se cesseranno le cause per i quali tali mezzi sono stati imposti.

(Foto: Barcelona Metropolitan)