Da Vatileaks alla Bonino: Francesca Chaouqui si iscrive al Partito Radicale

Percorso davvero singolare quello di Francesca Chaouqui, che ha deciso di espiare le sue colpe per lo scandalo Vatileaks approdando alla corte della leader radicale Emma Bonino. «Sono molto contenta della scelta di iscrivermi al Partito Radicale. È una decisione che ho maturato oggi insieme a Rita Bernardini nel suo sedicesimo giorno di sciopero della fame», dice la Chaouqui. «Prendendo questa decisione -prosegue- , credo di seguire quello che dice il Santo padre Francesco quando dice ai cristiani: “Mischiatevi in politica.  Fate in modo che le cose in cui credete abbiano un eco riflesso nella  politica”. Il Partito Radicale, come suo Dna, ha il sostegno alle  battaglie difficili, quelle in cui si crede. Pur non condividendo tutti i principi delle battaglie del Partito Radicale,  posso dire di sostenere la battaglia per i diritti dei detenuti. Ecco perchè oggi, partecipando ad un convegno con Rita Bernardini, ho deciso di portare avanti questa battaglia iscrivendomi al Partito Radicale».