Claudio Lippi contro Bonolis e Presta. La replica: “Sei un coglione ingrato”

Claudio Lippi dopo il successo da concorrente nelle prime due puntate di Tale e Quale è diventato uno dei personaggi del momento sulle pagine degli spettacoli. «Per dieci anni sono praticamente sparito dalla tv», ha detto Lippi, in un’intervista al Quotidiano nazionale.

Lippi su Bonolis: “La trasmissione con Bonolis era orrenda”

Nel corso dell’intervista si è scagliato contro una serie di big della tv. «Tutto comincia nel 2003 quando feci una orrenda Domenica In con Paolo Bonolis. In quello studio mi trovavo malissimo. Bonolis era troppo egocentrico e tra noi non c’era feeling. Poi sono tornato, dopo dieci edizioni al fianco di Maurizio Costanzo (tra le più belle domeniche pomeriggio della storia televisiva), a fare la domenica su Canale 5. Il programma venne affidato a Paola Perego e tutto cambiò. Sembravo un pesce fuor d’acqua ma soprattutto non mi riconoscevo in quel tipo di trasmissione troppo urlata e chiassosa. Cercai di ragionare assieme alla squadra di lavoro, visto che firmavo il programma anche come autore. Cercai di impormi e di far prevalare le mie ragioni ma niente. Alla quinta puntata dissi basta e me ne andai. Non potevo varcare né la soglia della sede Rai di viale Mazzini né quella di Mediaset a Cologno Monzese. Sul mio nome c’era il veto più assoluto». 

La replica al veleno di Lucio Presta contro Claudio Lippi

Non si è fatta attendere la replica del manager televisivo Lucio Presta (agente di Bonolis e partner di Paola Perego). Sul suo account Twitter Presta ha cinguettato, a commento dell’intervista a Lippi: «Ne ho conosciuti di coglioni ingrati ma questo batte tutti».