Clandestini welcome: Lampedusa, branco di tunisini tenta di stuprare 50enne

Clandestini, profughi, immigrati, benvenuti a tutti:più siete meglio è per il business. Ma qualche controindicazione c’è: cinque maghrebini, quasi certamente tunisini a detta di testimoni, probabili ospiti dell’hotspot di Lampedusa, avrebbero tentato in mattinata di violentare nella sua abitazione una donna 50enne di Lampedusa. I cinque tunisini avrebbero però desistito di fronte alla decisa reazione della donna, che oltre a difendersi dall’aggressione con un bastone, ha cominciato a gridare e a chiedere aiuto facendo credere loro che ci fossero alcuni altri familiari in casa. La donna ha presentato immediatamente denuncia ai carabinieri che hanno avviato le indagini per identificare gli aggressori. La casa della donna, sposata e con figli, si trova lungo la strada che dalla struttura di accoglienza di contrada Imbriacola conduce fino al centro del paese. È stata la stessa donna a chiamare i carabinieri e a raccontare nei dettagli il tentativo di violenza sottolineando che gli aggressori erano quasi certamente tunisini. In questo momento l’hotspot di Lampedusa ospita circa 500 nordafricani, quasi tutti tunisini; gli ultimi 105 sbarcati la notte scorsa.