Clandestini, Gasparri: Basta con la propaganda anti-italiana dei vescovi

“Continua la forsennata propaganda di Galantino (segretario della Dei, ndr) a favore dello ius soli. Si usano argomenti infondati, si trascurano i diritti – negati – di tante fasce della popolazione italiana, si continua a favorire l’immigrazione clandestina che è motivo di arricchimento per gli scafisti e per i criminali, ovviamente anche italiani. Si sprecano 5 miliardi per una presunta accoglienza, che potrebbero essere molto più utili se investiti altrove. Soprattutto, con molto meno denaro, si potrebbe aiutare a casa propria tanta popolazione africana che sale verso il Nord Europa”. Lo afferma il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato. “Il Parlamento – aggiunge – deve dare voce alla maggioranza degli italiani dicendo no allo ius soli e no ai propagandisti dell’anti-italianità che continuano a dire parole senza fondamento che dimostrano il disinteresse per i veri diritti e per le grandi sofferenze della nostra popolazione”. Il segretario Cei aveva detto che “una politica migratoria non può non prevedere una dinamica e legittima regolamentazione all’ingresso, il facile accesso ai servizi di base, la tutela dei lavoratori e delle loro famiglie, fino ad arrivare alla protezione sociale e internazionale, ai ricongiungimenti familiari, alla partecipazione e alla cittadinanza: tutti aspetti oggi deboli nell’affrontare politicamente la migrazione in Italia”. Lo ha in mattinata sottolineato il segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino, intervenendo, a Modena, alla seconda edizione del Festival della Migrazione, iniziativa promossa dalla Fondazione Migrantes, Porta Aperta, Università e Crid, IntegriaMo, con la presenza di 35 enti aderenti del territorio e col sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Hera, Bper, Conad e Menù.