Bankitalia, Berlusconi: «Nessun asse con Renzi, la mia posizione chiarissima»

«Sul caso Bankitalia la mia posizione è stata di massima trasparenza e chiarezza: ho denunciato l’antico vizio della sinistra per l’occupazione dei posti e ribadito, allo stesso  tempo, che è comprensibile la volontà di controllo su quello che è  successo in questi anni». Lo afferma Silvio Berlusconi, smentendo che esista un gioco di sponda con Matteo Renzi per “sfiduciare” il governatore della Banca d’Italia.

«Proprio per questo – continua il leader di FI – abbiamo chiesto per  primi la Commissione parlamentare di inchiesta sulle banche che ha  appena iniziato i suoi lavori. Spetterà proprio alla Commissione  parlamentare indagare su comportamenti di banche e banchieri, e  naturalmente anche su quello degli Organi di Vigilanza».

«Tutto questo ho detto anche per invocare il rispetto delle regole, che qualcuno ha disinvoltamente dimenticato o addirittura violato. Un comportamento che svela appunto quell’antica cupidigia di potere della sinistra che mira solo ad occupare i posti. Prima lo faceva dopo le elezioni, adesso lo fa anche prima. Nessun “asse con Renzi”, come qualche giornale ha maliziosamente insinuato».