Alemanno: «Attaccano me, ma è con Marino e Raggi che Roma è peggiorata»

In tre anni a Roma «le cose sono molto peggiorate» e a pensarlo sono «tanti romani». Intervistato alla radio, Gianni Alemanno ha fatto un bilancio delle condizioni in cui si ritrova la Capitale con la giunta Raggi e dopo l’amministrazione Marino. «Fa molto comodo attaccare l’unico simbolo di destra che la città ha avuto, ma – ha ricordato l’ex sindaco – ci sono 30 anni di sinistra su Roma che forse hanno responsabilità molto più gravi».

A Roma «oggi si vive molto peggio»

«Oggi si vive molto peggio, questi tre anni tra Marino e Raggi hanno peggiorato molto le cose e lo pensano molti romani», ha detto a 6 su Radio 1 il leader del Movimento nazionale per la sovranità, soffermandosi anche sul problema dell’immigrazione e sulla questione dello Ius soli. Due temi che saranno anche al centro del corteo che il Mns terrà sabato a Roma, «contro l’invasione e per il lavoro italiano». «Gli stranieri – ha detto Alemanno – hanno diritto al lavoro, ma prima degli stranieri ne hanno diritto gli italiani».

Alemanno contro «l’invasione di immigrati»

«Purtroppo l’invasione degli immigrati crea una concorrenza al ribasso ai nostri lavoratori contribuendo a far crescere la disoccupazione», ha proseguito Alemanno, che si è soffermato anche sulla legge elettorale. «Sono sempre stato un sostenitore del maggioritario. Questa legge non garantisce di avere un vincitore chiaro. Rischia di essere un ponte per un governo di larghe intese».