Abusava del fratellino istigato da un pedofilo seriale: estradato da Londra

Abusava del fratellino per soddisfare le richieste di una sedicente 17enne dietro la cui identità si nascondeva un pedofilo seriale, ora in cella: una brutta storia di pedofilia. Di abusi. Di violenze fisiche e psicologiche. Una vicenda come altre, purtroppo, capace di rivelare un potenziale di orrore e perversione capace di attecchire laddove il vuoto etico e un baratro morale fa sprofondare le coscienze nella degenerazione più abbietta. Una brutta storia, insomma, dove un ragazzino manipolato in rete da un pedofilo seriale sotto mentite spoglie, ha usato violenza, ripetutamente, al fratellino per soddisfare le richieste di una sedicente «fidanzatina virtuale»…

Pedofilia, abusava del fratellino: estradato dal Regno Unito

E allora, è stato estradato in Italia il minorenne che per mesi aveva abusato sessualmente del fratellino più piccolo per adempiere alle richieste avanzate sul web da una supposta «fidanzatina virtuale» dietro la quale si nascondeva un pedofilo seriale pronto a irretire nella sua rete di ricatti e proposte indecenti due ragazzini, due fratelli. La Polizia di Stato aveva arrestato il pedofilo e individuato il minorenne, che nel frattempo si era trasferito nel Regno Unito insieme alla famiglia, e sul quale è stato disposto il mandato di arresto europeo che lo ha riportato sul territorio nazionale. Il giovane ha confermato agli inquirenti l’autenticità dei fatti documentati. Tutto ebbe inizio, spiega una nota della Polizia, con un’amicizia nata su un social network tra un adolescente lombardo e un’apparente «ragazza di diciassette anni, piuttosto avvenente», che prima lo aveva sedotto in Rete e poi lo aveva indotto ad abusare sessualmente del fratellino, dieci anni più piccolo, e a inviarle il materiale pedopornografico così realizzato. Purtroppo, come spesso accade nella Rete – continua la nota – dietro quel profilo non c’era alcuna diciassettenne, bensì un pedofilo quarantenne già arrestato alla fine dello scorso luglio dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni veneta per detenzione di ingente materiale pedopornografico, ed attualmente detenuto presso una struttura carceraria.

Rintracciato anche il pedofilo seriale che muoveva le fila del tutto

E proprio attraverso la capillare attività di analisi dei dispositivi a suo tempo sequestrati all’uomo, un single disoccupato, pedofilo seriale, che viveva da solo in un condominio di una zona periferica della provincia comasca, che gli investigatori della Sezione Polpost di Verona, che avevano effettuato l’arresto, erano riusciti a risalire alla incredibile vicenda. Gli esiti di questa attività sono frutto della preziosa collaborazione tra il Procuratore Generale di Brescia Pierluigi Dell’Osso, che con il proprio apporto ha consentito di accelerare i tempi di consegna del minore dal Regno Unito, e il Magistrato di Collegamento Sally Cullen che a sua volta ha fornito una fattiva cooperazione. Sono in corso ulteriori approfondimenti per accertare se il minore abbia inviato ad altri utenti i file pedopornografici autoprodotti e se vi siano responsabilità concorsuali da parte dei componenti della famiglia per le condotte di abuso. L’adolescente dovrà rispondere dei reati di violenza sessuale su minore, atti sessuali con minore e divulgazione di materiale pedopornografico, aggravati dall’abuso di relazioni domestiche.